Un MILIONE per cento la crescita di Bitcoin ad oggi

Secondo quanto rivelato su Twitter da DataLight, investire in bitcoin (BTC) nel corso degli anni ha reso molto di più che non investire in altcoin, ovvero in altre criptovalute.

Read this article in the English version here.

 

 

Il grafico analizza infatti i rendimenti di alcune criptovalute dal momento del loro approdo sugli exchange ad oggi.

La domanda che si sono posti gli analisti di DataLight è:

“Se avessi investito 100 dollari in ognuna di queste monete al momento del listing sugli exchange, quanto varrebbe oggi il tuo investimento?”

Sono state prese in considerazione le prime 15 criptovalute per capitalizzazione di mercato, tranne ovviamente USDT, ed il risultato è che il rendimento di bitcoin nel corso degli anni è stato di gran lunga il maggiore.

Certo, bitcoin (BTC) è scambiabile sugli exchange da quasi nove anni, mentre gli altri da meno di sei, ma la differenza dei rendimenti è davvero netta.

 

Infatti 100 dollari investiti in BTC a metà del 2010 circa ora valgono più di un milione e trecentomila, con un rendimento superiore al milione per cento.

Al secondo posto c’è ETH, con un valore di 68.000 dollari circa in quasi quattro anni, mentre al terzo c’è Dash, con un valore di circa 39.000 dollari in cinque anni. Più distanziato invece XRP (Ripple), con un valore di poco superiore ai 6.000 dollari in più di 5 anni.

Le differenze con bitcoin sono pertanto abissali, anche alla luce dei pochi anni in più di presenza sugli exchange.

Da notare la notevole performance di Binance Coin (BNB), che in meno di due anni ha superato i 13.000 dollari, e le performance negative per Bitcoin Cash, Bitcoin SV e IOTA, che dal momento dello sbarco sugli exchange hanno addirittura perso valore.

Va però sottolineato che a metà del 2010, quando BTC fece il suo esordio sul mercato degli scambi, erano davvero in pochi a conoscerne l’esistenza, ed il mercato delle criptovalute era minuscolo ed estremamente di nicchia.

 

Quindi questa comparazione appare un po’ forzata, seppur basata su dati oggettivi. È tuttavia difficile stabilire come potrebbe essere effettuata altrimenti, visto che lo sbarco di bitcoin sul mercato dei cambi risale effettivamente a metà 2010.

 

Lascia un commento