Archivi categoria: salute consigli

Antibiotico naturale- ecco la ricetta per prepararlo in casa

Contenuti

  • Stop agli effetti collaterali dei farmaci. Dall’America arriva la ricetta per un antibiotico al 100% naturale fatto con ingredienti che tutti abbiamo in casa. Scopriamoli insieme.
      • Come preparare l’antibiotico naturale
      • Leggi anche: 18 rimedi naturali da fare con l’aceto di sidro di mele
    • Come assumere l’antibiotico naturale
    • I benefici dell’antibiotico naturale
      • 1. Aglio
      • 2. Zenzero
      • 3. Cipolla bianca
      • 4. Habanero
      • 5. Radice di rafano
      • Leggi anche: Zenzero: potente antidolorifico naturale senza effetti collaterali

 

Stop agli effetti collaterali dei farmaci. Dall’America arriva la ricetta per un antibiotico al 100% naturale fatto con ingredienti che tutti abbiamo in casa. Scopriamoli insieme.

Influenza e raffreddore vi tormentano ma siete stanchi degli effetti collaterali degli antibiotici comprati in farmacia? Ecco la soluzione che fa per voi. Bastano pochi ingredienti della vostra dispensa per realizzare con le vostre mani un antibiotico naturale, efficace già 24 ore dopo l’assunzione.

La ricetta la suggerisce il famoso medico americano, il dr. Richard Shultz. Lo ha chiamato SuperTonic ed è un trattamento adatto a guarire l’organismo da numerosi stati infiammatori e influenzali (e non solo).

Come preparare l’antibiotico naturale

Per questo antibiotico naturale dall’azione antivirale, vermifuga e fungicida, il dr. Schulze suggerisce di utilizzare ingredienti provenienti da agricoltura biologica o coltivati in autoproduzione, così da trarne il massimo beneficio. Vi occorrono:

  • Mezza tazzina di peperoncino fresco (possibilmente habanero)
  • Mezza tazzina di bulbi d’aglio
  • Mezza tazzina di cipolla bianca
  • Mezza tazzina di zenzero
  • Mezza tazzina di rafano
  • Aceto di sidro di mele quanto basta

Il procedimento per preparare questo antibiotico naturale è molto semplice. Basta inserire tutti gli ingredienti (lavati, pelati e triturati) in un contenitore di vetro e poi versare l’aceto di mele, in modo tale che li ricopra completamente.

Lasciate a riposare il tutto per almeno 4-6 settimane, tenendo il contenitore al buio. Più tempo lascerete al macero, più potente sarà la miscela finale.

Trascorso il tempo necessario, arriva il momento del filtraggio. Utilizzate un pezzo di stoffa in fibra naturale e senza tintura, con una trama non troppo fitta, un colino in acciaio inox e una ciotola di vetro. Dopo aver filtrato, versate il liquido in un contenitore di vetro scuro, in modo tale che sia al riparo dalla luce. Conservate il preparato in un luogo fresco.

Leggi anche: 18 rimedi naturali da fare con l’aceto di sidro di mele

Come assumere l’antibiotico naturale

Quando il vostro tonico sarà pronto, potrete assumerlo sia per fare prevenzione che per combattere uno stato infiammatorio o infezione. Nel primo caso, basterà assumere un bicchierino di antibiotico naturale al giorno, nel secondo caso bisognerà arrivare anche a 5-6 al giorno.

I benefici dell’antibiotico naturale

Questo tonico è l’ideale se siete affetti da tosse e mal di gola, febbre e mal di testa. Può essere utile anche per migliorare la circolazione, aiutarvi con le articolazioni infiammate, stimolare la digestione e regolarizzare il glucosio nel sangue. Si rivela prezioso anche per la prevenzione, in quanto rafforza le difese immunitarie dell’organismo.

L’azione benefica di questo antibiotico naturale deriva dalla combinazione degli ingredienti utilizzati e le loro sostanze nutritive:

1. Aglio

Ricco di selenio, potassio, magnesio, fosforo, vitamina A, vitamine del gruppo B e vitamina C, l’aglio è efficace contro raffreddore, influenza, mal di gola, stimola la digestione, la circolazione e la produzione di globuli bianchi. È un efficace antisettico, antibatterico, antimicrobico e vermifugo.

2. Zenzero

Potente antinfiammatorio e antisettico, lo zenzero aiuta a superare la nausea, guarire gli stati infiammatori delle articolazioni, migliora la circolazione e abbassa il livello di glucosio nel sangue.

3. Cipolla bianca

La cipolla è ricca di zolfo, sostanze fitochimiche, fibre dietetiche, vitamine C e B6, potassio.

4. Habanero

Potente antiossidante, è ricco di carotenoidi e acido ascorbico.

5. Radice di rafano

Contiene discreti livelli di zolfo, antiossidanti, olio di mostarda e vitamina C. Questo lo rende particolarmente efficace in caso di infezioni nasali e polmonari, tosse e asma.

 

 

 

 

 

 

 

Lo sai quanto è dannoso il Tuo Smartphone ?

Il Cellulare, emette radiazioni dannose per la salute!
Usa le precauzioni necessarie

riassunte in questo video.

In questo Video Scoprirai

quanto è importante adottare
le giuste precauzioni

con le onde elettromagnetiche
emesse dal cellulare,

dagli auricolari Bluetooth,

dal wifi,  dal computer,

dal Microonde dai vecchi cellulari.

In un processo è stata riconosciuta la colpa dell’utilizzo del cellulare
per troppe ore e soprattutto

sempre vicino all’orecchio.
Eecco cosa fare per prevenire

i danni da tumore !!!

Ti sei mai chiesto se il Cellulare faccia male alla nostra salute ? from Emanuele Di Nicola on Vimeo.

 

 

10 PUNTI PER UTILIZZARE IN MODO CORRETTO SMARTPHONE E TABLET


Se ritieni utili queste informazioni

CONDIVIDI con i Tuoi Amici.

 

Prevenire meglio che curare : Italia prima nel consumo di nutraceutici

Con 41euro di spesa media annua, gli italiani si posizionano al primo posto in Europa nel consumo dei prodotti nutraceutici (alimenti o sostanze contenute negli alimenti che hanno effetti benefici sulla salute). Tra retail, farmacie, parafarmacie, grande distribuzione e vendita online, il mercato della nutraceutica rappresenta, ormai, un driver di crescita per tutto il settore della consumer health. Come orientarsi rispetto a una proposta commerciale sempre più dinamica e articolata?

Nutraceutica, un ponte tra alimento e farmaco: quali opportunità di business nel mercato italiano?

«Sempre più coltivatori, produttori, industrie e distributori iniziano a guardare con attenzione alla nutraceutica. La grande distribuzione ne ha capito la potenza e sta iniziando ad attivarsi per dedicare uno spazio specifico negli scaffali degli store dedicati proprio alla nutraceutica. Iniziano, inoltre, a nascere app che aiutano a scegliere il prodotto più adatto, per stile di vita, intolleranze e apporto nutrizionale. Quello che manca ancora, però, è un ente certificatore come quelli che si occupano di biologico».

Otto italiani su dieci nell’ultimo anno hanno assunto un prodotto nutraceutico: il futuro della salute passa per la nutraceutica?

Con 41euro di spesa media annua, gli italiani si posizionano al primo posto in Europa nel consumo dei prodotti nutraceutici (alimenti o sostanze contenute negli alimenti che hanno effetti benefici sulla salute). Tra retail, farmacie, parafarmacie, grande distribuzione e vendita online, il mercato della nutraceutica rappresenta, ormai, un driver di crescita per tutto il settore della consumer health. Come orientarsi rispetto a una proposta commerciale sempre più dinamica e articolata?

Nutraceutica, un ponte tra alimento e farmaco: quali opportunità di business nel mercato italiano?

«Sempre più coltivatori, produttori, industrie e distributori iniziano a guardare con attenzione alla nutraceutica. La grande distribuzione ne ha capito la potenza e sta iniziando ad attivarsi per dedicare uno spazio specifico negli scaffali degli store dedicati proprio alla nutraceutica. Iniziano, inoltre, a nascere app che aiutano a scegliere il prodotto più adatto, per stile di vita, intolleranze e apporto nutrizionale. Quello che manca ancora, però, è un ente certificatore come quelli che si occupano di biologico».

Otto italiani su dieci nell’ultimo anno hanno assunto un prodotto nutraceutico: il futuro della salute passa per la nutraceutica?

«La nutraceutica è la nuova frontiera della prevenzione. Una sana alimentazione, consapevole e bilanciata, insieme a uno stile di vita attivo, è la miglior prevenzione. C’è una domanda che mi piace fare quando inizio a parlare del mio progetto: “Faresti mai il pieno di benzina nella tua auto diesel?”. La risposta è chiaramente negativa. Se lo facessimo creeremmo dei danni alla nostra automobile, che è sicuramente stato un investimento importante: non abbiamo nessuna intenzione di danneggiarla. Se potessimo permetterci una sola automobile in tutta la nostra vita, come la tratteremmo? Eppure, ogni giorno, introduciamo cibo malsano e maltrattiamo il nostro organismo, che è la nostra auto, la nostra unica auto. Lo facciamo con leggerezza, perché non vediamo i risultati delle nostre azioni, non ne abbiamo l’immediata contropartita ma i danni arrivano con il tempo. Essere sani è un impegno quotidiano e la nutraceutica è un ottimo alleato in questo. Sicuramente il futuro della salute passa da qui, perché siamo sempre più informati, sempre più consapevoli e, quando iniziamo a vedere le cose da questo nuovo punto di vista, difficilmente riusciamo a tornare indietro».

Il mercato degli integratori alimentari e dei prodotti nutraceutici negli ultimi anni è diventato sempre più dinamico. Come possono i consumatori orientarsi di fronte a un’offerta commerciale sempre più ampia e articolata?

«I nutraceutici sono una grandissima risorsa per il nostro benessere e gli integratori molto spesso ci aiutano a migliorare la nostra nutrizione, specialmente in un’epoca in cui esistono moltissime intolleranze e alcuni alimenti ricchi di nutrienti devono essere eliminati dalla nostra dieta. Tuttavia bisogna conoscere i limiti di ogni categoria di prodotto. Gli integratori possono sostituire praticamente tutti i nutrienti. È altrettanto vero che l’assorbimento da parte del nostro organismo è più difficoltoso, limite che si supera con l’assunzione dei nutrienti direttamente dall’alimento. Anche l’alimento, però, porta con sé un altro limite, quello della caduta dei nutrienti durante il percorso che compie dalla raccolta alle nostre tavole oppure durante il processo di trasformazione: quasi nessuno dei prodotti (freschi o conservati) disponibili in commercio hanno una concentrazione di nutrienti sufficientemente alta da garantire effetti benefici. Il consumatore dovrebbe informarsi su quali siano i nutrienti per se stesso importanti e i benefici che ne trae: può farlo attraverso il medico oppure attraverso le informazioni messe a disposizione dagli enti predisposti (come, per esempio, il ministero della Salute o Efsa). Il regolamento europeo 432/2012   riporta un elenco delle indicazioni sulla salute in un pratico schema, comprensibile anche a chi non ha competenze in materie scientifiche. Il mio ultimo consiglio ai consumatori è quello di fidarsi di produttori che consentono la tracciabilità della filiera, che sono trasparenti nei processi produttivi e che siano in grado di dimostrare quale concentrazione di nutrienti è presente nel prodotto».

Se Vuoi saperne di più entra chiedi l’amicizia

contattaci qui via chat messenger FB:

 

 

 

 

Prevenire meglio che curare

Prevenire meglio che curare

Prevenire meglio che curare

Prevenire meglio che curare

 

consigli maldischiena

 

ECCO GLI ESERCIZI PER FAR PASSARE IL MAL DI SCHIENA RAPIDAMENTE

 

Capita spessissimo che sopraggiungano dolori alla schiena, Il mal di schiena è uno degli acciacchi se non l’acciacco, più comune di sempre. Nonostante spesso non riguardi nulla di grave, ovvero una semplice infiammazione del nervo sciatico, o qualche muscolo infiammato, il ml di schiena è piuttosto limitante, causando seri problemi a vivere una vita normale a chi ne soffre. Impedisce di sollevare oggetti, o compier ei più semplici movimenti.

Questo tipo di dolore può essere sporadico o cronico, pertanto è meglio sottoporsi ad una accurata visita medica prima di adottare qualsiasi soluzione fai da te. Se si tratta di un fenomeno sporadico potrete risolvere anche da soli con degli opportuni esercizi fisici.

Nel video sottostante troverete tutte le indicazioni necessarie per mettere in pratica degli esercizi utili a raggiungere tale scopo. Nello specifico, si fa riferimento ad una serie di esercizi di allungamento e di rinforzamento, che alleviano il dolore e rinforzano la schiena prevenendo strappi e contrazioni.


 

 

VOGLIA DI DARE UNA SVOLTA ALLA PROPRIA VITA IN MODO SERENO ED AIUTARE ALTRI A FARE LO STESSO !

Schermata 2017-02-21 alle 11.12.19

 

Scopri Come Clicca QUI sotto :

1910453_1542654659389536_4095216282625672346_n

consigli maldischiena

Esperimento scimie

Banana-e1432736129665

 

Nel 1967 il Dott. Stephenson ha condotto un esperimento in cui erano coinvolte 10 scimmie, una gabbia, una banana, una scala e uno spruzzatore di acqua gelata. Stephenson rinchiude 5 scimmie in una grande gabbia. All’interno della gabbia mette una scala e sulla scala un casco di banane.

Le scimmie si accorgono immediatamente delle banane e una di loro si arrampica sulla scala. Appena lo fa, però, lo sperimentatore la spruzza con dell’acqua gelida. Poi riserva lo stesso trattamento alle altre 4 scimmie.

La scimmia sulla scala torna a terra e tutte e 5 restano sul pavimento, bagnate, al freddo e disorientate. Presto però la tentazione delle banane è troppo forte e un’altra scimmia comincia ad arrampicarsi sulla scala. Di nuovo lo sperimentatore spruzza l’ambiziosa scimmia e le sue compagne con l’acqua gelata. Quando una terza scimmia prova ad arrampicarsi per arrivare alle banane le altre scimmie, volendo evitare di essere spruzzate, la tirano via dalla scala malmenandola. Da questo momento le scimmie non proveranno più a raggiungere le banane.

La seconda parte dell’ esperimento prevede l’introduzione di una nuova scimmia nella gabbia. Appena questa si accorge delle banane prova naturalmente a raggiungerle. Ma le altre scimmie, conoscendo l’esito, la obbligano a scendere e la picchiano. Alla fine anche lei, come le altre 4 scimmie, rinuncia a mangiare la banana senza mai essere stata spruzzata con l’acqua gelata, quindi senza sapere perché non potesse farlo.

A questo punto un’altra scimmia scelta tra le 4 originarie rimaste, è stata sostituita con una nuova. Il nuovo gruppo era composto da 3 delle scimmie iniziali (che sapevano perché non tentare di prendere la banana), 1 scimmia che aveva imparato a rinunciare alla banana a causa della reazione violenta delle altre e 1 scimmia nuova.

Qui la storia si fa interessante. La scimmia nuova, come previsto, tenta di raggiungere la banana. Come era avvenuto con la scimmia precedente, le altre scimmie le impediscono di raggiungere il frutto senza che il ricercatore dovesse spruzzare dell’acqua. Anche la prima scimmia sostituita, quella che non era mai stata spruzzata ma era stata dissuasa dalle altre, si è attivata per impedire che l’ultima arrivata afferrasse la banana.

LA CONCLUSIONE DELL’ ESPERIMENTO

La procedura della sostituzione delle scimmie viene ripetuta finché nella gabbia sono presenti solo scimmie “nuove”, che non sono mai state spruzzate con l’acqua.
L’ultima arrivata tenta naturalmente di avvicinarsi alle banane ma tutte le altre glielo impediscono: nessuna di esse però conosce il motivo del divieto!

Stephenson descrive l’atteggiamento inquisitore dell’ultima scimmia arrivata, come se cercasse di capire il perché del divieto di mangiare quella banana così invitante. Nel suo racconto le altre scimmie si sono guardate tra loro, quasi a cercare questa risposta. Il problema è che nessuna delle scimmie presenti la conosceva, perché nessuna era stata punita dallo sperimentatore per averci provato, era stato il gruppo a opporsi.
Una nuova regola era stata tramandata alla generazione successiva, ma le sue motivazioni erano scomparse con la scomparsa del gruppo che l’aveva appresa.

Se fosse stato possibile chiedere alle scimmie perché picchiavano le compagne che provavano a salire sulla scala, la risposta sarebbe stata più o meno questa: ” Non lo so, è così che si fa da queste parti!” Suona familiare?

Non smettere di indagare, di chiedere, di trovare nuovi paradigmi. Spesso il nostro modo di agire è solo il frutto di azioni che ripetiamo perché l’abbiamo visto fare da altri, senza sapere bene il perché. Cambiate le vostre abitudini. Non abbiate paura. Sfuggite al più grande esperimento sociale mai visto nella storia, quello di consumare quello che altri (gli sperimentatori) vogliono che consumiamo, quello di evitare che ci poniamo domande, che troviamo nuove soluzioni per vecchi problemi.

Bibliografia
Stephenson, G. R. (1967).

 

 

_____________________________

 

VOGLIA DI DARE UNA SVOLTA ALLA PROPRIA VITA IN MODO SERENO ED AIUTARE ALTRI A FARE LO STESSO !

Schermata 2017-02-21 alle 11.12.19

 

Scopri Come Clicca QUI sotto :

1910453_1542654659389536_4095216282625672346_n
 

L’importanza di misurare il PH della saliva e delle urine: un metodo semplice e veloce

Questo articolo sulla salute è stato tratto dagli scritti di Robert O. Young, fondati sulla teoria secondo la quale l’organismo è alcalino nelle intenzioni e acido nelle funzioni. Secondo questa tesi, esiste un solo tipo di malattia e un solo tipo di soluzione della stessa, e tale malattia è causata da un’eccessiva acidificazione del sangue, e quindi dei tessuti, fattore dovuto ai cambiamenti nello stile di vita, del modo di mangiare e di pensare. Insomma, non ci può essere salute se c’è acidità o, in altre parole: la strada per la salute è nell’alcalinità!
unnamed
e Scarica il – P D F

Un approfondimento inserito a seguito del crescente interesse per questo argomento:

Valore ottimale dell’urina alla mattina: pH 6,4 – 6,8

Valore ottimale della saliva: pH 7,0 – 7,4.

Il livello del pH dei fluidi interni dell’organismo influenza ogni cellula del corpo umano. Il livello ottimale del pH del sangue ha un valore intorno a 7.4 (7.36-7.45).

L’indice di valori che va da 7.36 a 7.45 è di vitale importanza per il benessere dell’ organismo umano. Il corpo farà di tutto per mantenere la natura leggermente alcalina del sangue.

PS se vuoi contribuire ad arricchire e migliorare i contenuti di questo articolo mettendo a disposizione di tutti le tue conoscenze, sentiti libero di farlo mettendoti in contatto con noi e mandandoci la tua versione a info@versoluno.com

www.verosoluno.com

Il BLOG al servizio di tutti…per tornare all’UNO.

– See more at: http://www.versoluno.com/misurare-il-ph/#sthash.sZeRqhhA.dpuf

 

_____________________________

 
 

VOGLIA DI DARE UNA SVOLTA ALLA PROPRIA VITA IN MODO SERENO ED AIUTARE ALTRI A FARE LO STESSO !

Schermata 2017-02-21 alle 11.12.19

 

Scopri Come Clicca QUI sotto :

1910453_1542654659389536_4095216282625672346_n

 

Uno psicologo insegna ai suoi studenti come gestire lo stress.

Uno psicologo insegna ai suoi studenti come gestire lo stress.
Prese un bicchiere d’acqua e si avviò per la stanza, in silenzio.
Tutti si aspettavano una domanda tipo:
“è mezzo pieno o mezzo vuoto?”

Ad un certo punto si fermò, alzò il bicchiere e chiese ai suoi studenti:
“Quanto è pesante questo bicchiere d’acqua?”
Meravigliati, gli studenti hanno dato risposte tra 250 e 500 ml.
Psicologo risponde: peso assoluto non importa, importa quanto tempo lo tieni alzato… Un minuto, nessun problema… Un’ora, un braccio dolorante… Un giorno, paralizza il braccio…
In ognuno di questi tre casi il peso del bicchiere non cambia. Cambia solo il tempo.
Più il tempo passa, più diventa pesante.
Lo stress e le preoccupazioni della vita sono come il bicchiere d’acqua. Se si pensa di meno a loro, non succede quasi nulla.
Se si pensa di più, il cuore inizia a far male.
Se stai pensando a loro per tutto il tempo, paralizzano la tua mente.
Quando arrivi a casa la sera, lascia fuori le tue preoccupazioni.
Non portarle con te durante la notte.
Metti giù il bicchiere.

acqua-bicchiere

 

_____________________________

 
 

VOGLIA DI DARE UNA SVOLTA ALLA PROPRIA VITA IN MODO SERENO ED AIUTARE ALTRI A FARE LO STESSO !

Schermata 2017-02-21 alle 11.12.19

 

Scopri Come Clicca QUI sotto :

1910453_1542654659389536_4095216282625672346_n

50 – Usi del Bicarbonato di Sodio USI PER LA CASA, LA SAUTE E LA BELLEZZA –

BICARBONATO DI SODIO, USI PER LA CASA, LA SAUTE E LA BELLEZZA
bicarbonato_di_sodio

– Il bicarbonato di sodio, iniseme a sale, limone ed aceto è uno di quei prodotti da tenere sempre a portata di mano. Il bicarbonato è facilmente reperibile in qualsiasi supermercato.

C’è chi lo utilizza in lavatrice addizionato al detersivo per ottenere capi più bianchi o come coadiuvante nel lavaggio di frutta e verdura.

Ecco cinquanta ulteriori modi di utilizzo, tutti da scoprire.

IGIENE PERSONALE

1. Dentifricio

Una volta alla settimana potete utilizzare il bicarbonato come coadiuvante per la pulizia dei denti. Immergete lo spazzolino nel bicarbonato, passatelo sotto l’acqua e utilizzatelo come se si trattasse di un normale dentifricio. Per rendere il sapore più gradevole, aggiungete poche gocce d’olio essenziale di menta.

2. Colluttorio

Sciogliete un cucchiaino di bicarbonato in mezzo bicchiere d’acqua. Utilizzate come un normale colluttorio. Vi aiuterà a sconfiggere l’alito cattivo neutralizzando gli odori.

3. Pulizia di dentiere e apparecchi

Sciogliete due cucchiaini di bicarbonato in una tazza d’acqua calda. Immergetevi l’apparecchio o la dentiera. Il bicarbonato aiuta a distaccare i rimasugli di cibo. Potete completare la pulizia con l’aiuto di uno spazzolino.

4. Scrub viso e corpo

Unendo tre parti di bicarbonato con una parte d’acqua potete ottenere un esfoliante da utilizzare per il viso o per il corpo. Massaggiate delicatamente sulla pelle con movimenti circolari e poi risciacquate con acqua tiepida.

5. Deodorante

Il bicarbonato può essere utilizzato puro come deodorante fai-da-te per i piedi e le ascelle, applicandolo con le dita o con l’aiuto di un piumino da cipria. Per ottenere un deodorante liquido, sciogliete due cucchiaini di bicarbonato in un bicchiere d’acqua, lasciate riposare per 24 ore e trasferite il tutto in un contenitore spray, magari riciclando la confezione di un vecchio deodorante.

6. Digestivo antiacido

Per aiutare la digestione ed eliminare l’acidità di stomaco, si consiglia di sciogliere un cucchiaino di bicarbonato in un bicchiere d’acqua a cui avrete aggiunto il succo di mezzo limone. Si ottiene così un antiacido che aiuta a digerire ed evitare gonfiori.

7. Punture d’insetti e irritazioni

Realizzate un composto cremoso da applicare sulle punture d’insetti per alleviare il prurito mescolando un cucchiaino di bicarbonato con un po’d’acqua. In caso di leggere irritazioni della pelle, applicate un po’di bicarbonato sulle zone interessate dopo la doccia con la pelle ancora umida.

8. Pulizia delle mani

Per neutralizzare sporco e cattivi odori, sfregate sulle mani il composto ottenuto mescolando tre parti di bicarbonato con una parte d’acqua. Potete aggiungere un cucchiaino di bicarbonato alla quantità di sapone liquido che utilizzate abitualmente per ottenere un’azione antiodore ancora più efficace.

9. Shampoo

Aggiungete alla quantità di shampoo che utilizzate abitualmente un cucchiaino di bicarbonato e amalgamate bene. I vostri capelli risulteranno morbidi e pulitipoiché il bicarbonato avrà eliminato ogni residuo di calcare o lasciato dai prodotti di styling.

10. Spazzole e pettini

Per una migliore pulizia di spazzole e pettini, immergeteli in un catino di acqua tiepida in cui avrete disciolto un cucchiaio di bicarbonato, che vi aiuterà ad eliminare ogni residuo presente su di essi.

11. Bagno

Se volete ottenere una pelle morbida e vellutata, aggiungete all’acqua della vasca mezza tazza di bicarbonato e rimarrete stupiti dell’effetto emolliente ottenuto.

12. Pediluvio

Sciogliete in un catino d’acqua calda due cucchiai di bicarbonato e immergetevi i piedi per un pediluvio rilassante. Unendo un pochino d’acqua ad un cucchiaio di bicarbonato potete ottenere una pasta da strofinare su talloni e zone ruvide per ammorbidirle.

PULIZIE E BUCATO

bicarbonato_pulizie

13. Bagno

Per la pulizia di vasche da bagno, lavelli, sanitari e piastrelle, cospargete le superfici con un po’di bicarbonato e poi strofinato con un panno o spugna umida. Per una maggiore efficacia sulle macchie difficili, formate una crema abrasiva unendo al detersivo per piatti un po’di bicarbonato e del sale fino.

14. Pentole e piatti

Aggiungete un cucchiaio di bicarbonato all’acqua per l’ammollo di piatti e pentole per facilitare la rimozione di macchie e unto. Aggiungete un cucchiaino di bicarbonato alla quantità di detersivo che utilizzate abitualmente per potenziarne l’effetto detergente.

15. Spugne

Per disinfettare ed eliminare i cattivi odori dalle spugne, immergetele in una bacinella d’acqua calda con l’aggiunta di quattro cucchiai di bicarbonato.

16. Forno a microonde

Per la pulizia del microonde immergete un panno in una soluzione di acqua e bicarbonato. Potete utilizzare questo rimedio sia per l’interno che per l’esterno del forno. Strofinate e poi risciacquate bene con sola acqua.

17. Argenteria

Per la pulizia dell’argenteria formate una pasta pulente con tre parti di bicarbonato ed una parte d’acqua. Strofinatela sugli oggetti delicatamente utilizzando un panno umido. Risciacquate con acqua tiepida ed asciugate per bene. La vostra argenteria sarà più brillante che mai.

18. Caffettiere e teiere

Per eliminare macchie e cattivi odori da teiere e caffettiere, immergetele in una soluzione di acqua calda e bicarbonato. Per le macchie più difficili, provate a strofinarle utilizzando la pasta pulente di cui sopra.

19. Pulizia del forno

Cospargete l’interno del vostro forno con del bicarbonato, spruzzatevi sopra dell’acqua calda e lasciate agire per tutta la notte. Al mattino sfregate utilizzando una spugna umida per eliminare unto e macchie. Risciacquate ed asciugate.

20. Pavimenti

Per la pulizia dei pavimenti, potete sostituire i comuni detergenti in commercio facendo sciogliere un bicchiere di bicarbonato in un secchio d’acqua calda. Poi procedete con la normale pulizia. Per le macchie più difficili, cospargete un po’di bicarbonato su di una spugna umida e strofinate le zone interessate.

21. Mobili

Per rimuovere macchie dai mobili laccati cospargete la superficie di una spugna umida con del bicarbonato e strofinate delicatamente. Risciacquate ed asciugate con un panno pulito.

22. Tende da doccia

Pulite e disinfettate le tende da doccia in plastica cospargendole di bicarbonato e strofinandole con un panno umido. Risciacquatele e stendetele ad asciugare.

23. In lavatrice

Per potenziare l’effetto del detersivo liquido aggiungete un cucchiaio di bicarbonato nella vaschetta dedicata al detersivo all’interno della lavatrice. Otterrete capi più puliti e brillanti. Inoltre il bicarbonato aiuta ad eliminare i residui di calcare dalla lavatrice.

24. Vestiti dei bambini

Per salvaguardare la pelle delicata dei bambini è necessario utilizzare dei detersivi molto delicati. Ma spesso le macchie sono difficili da eliminare. Per combatterle, aggiungete mezzo bicchiere di bicarbonato al vostro detersivi liquido oppure nel ciclo di risciacquo, per un effetto anti-odori.

25. Pannolini lavabili

Per il prelavaggio di pannolini lavabili, immergeteli in un catino d’acqua calda in cui avrete disciolto mezzo bicchiere di bicarbonato.

26. Attrezzatura sportiva

Utilizzate una soluzione d’acqua e bicarbonato per pulire le attrezzature sportive e bicarbonato in polvere per eliminare gli odori da zaini e borsoni da palestra. Utilizzate una pasta pulente formata da acqua e bicarbonato ed uno spazzolino o spazzola per prendervi cura delle mazze da golf.

27. Macchie di grasso e olio

Per rimuovere tracce di grasso e olio ad esempio dal pavimento del garage, cospargete le macchie con del bicarbonato e poi strofinatele con una spazzola umida.

28. Pulizia dell’auto

Utilizza il bicarbonato per pulire luci, cromature, tappetini e finestrini dell’auto. Versa on un contenitore spray una soluzione formata da un litro d’acqua e 50 gr. di bicarbonato ed utilizzala con un panno morbido, ad esempio in microfibra. Cospargi con bicarbonato le macchie più difficili e strofina con una spugna o una spazzola umida.

29. Frigorifero

Riponete un recipiente contenente del bicarbonato su di uno dei ripiani del frigorifero. Il bicarbonato assorbirà e neutralizzerà i cattivi odori.

30. Tagliere

Per eliminare i cattivi odori dal tagliere, cospargetelo di bicarbonato e lasciate agire per alcuni minuti prima di procedere al consueto lavaggio.

31. Bidoni della spazzatura

Cospargete di bicarbonato il fondo dei bidoni della spazzatura in modo da tenere lontani i cattivi odori.

32. Raccolta differenziata

Pulite spesso i contenitori destinati alla raccolta differenziata utilizzando una spugna umida sulla cui superficie avrete cosparso del bicarbonato. Risciacquate ed asciugate. Cospargete del bicarbonato sul fondo del contenitore per prevenire la formazione di cattivi odori.

33. Tubature e scarichi

Per eliminare i cattivi odori di scarichi e tubature ed impedire che si riformino, versate mezzo bicchiere di bicarbonato in lavelli, docce o vasche e fate scorrere l’acqua. Da ripetere una volta ogni dieci giorni.

34. Lavastoviglie

Utilizzate acqua e bicarbonato per ripulire e deodorare la lavastoviglie. Il bicarbonato può essere utilizzato in aggiunta al detersivo per lavastoviglie al fine di potenziarne l’effetto e per eliminare gli odori. Per evitarne la formazione, cospargete il fondo della lavastoviglie con del bicarbonato prima di ogni lavaggio.

35. Portapranzo

Per deodorare la vaschette che utilizzate per portare con voi il vostro pranzo, cospargetene l’interno con del bicarbonato tra un utilizzo e l’altro, oppure inseritevi un piccolo contenitore colmo di bicarbonato. Lasciate agire a lungo in modo che il bicarbonato possa assorbire gli odori e poi procedete al normale lavaggio.

36. Tappeti

Per eliminare gli odori dai tappeti, cospargeteli abbondantemente con del bicarbonato e lasciate agire per tutta la notte, o in ogni caso il più a lungo possibile. Raccogliete la maggior parte del bicarbonato utilizzando una scopa e completate la pulizia con l’aspirapolvere.

37. Aspirapolvere

Utilizzando il metodo spiegato al punto precedente per la pulizia dei tappeti, otterrete l’effetto “collaterale” di rimuovere i cattivi odori anche dalla vostra aspirapolvere.

38. Armadi e cassetti

Riponete dei piccoli recipienti colmi di bicarbonato in armadi e cassetti se volete tenere lontani i cattivi odori.

39. Automobile

Per eliminare i cattivi odori da sedili e tappetini, cospargeteli con del bicarbonato. Attendete quindici minuti prima di passare l’aspirapolvere.

40. Scarpe da ginnastica

Per evitare la formazione di cattivi odori all’interno delle vostre scarpe, cospargetene l’interno di bicarbonato quando non le utilizzate. Ovviamente, scuotetele prima di indossarle.

41. Lenzuola e asciugamani

Aggiungete mezzo bicchiere di bicarbonato al ciclo di risciacquo di lenzuola e asciugamani per ottenere un effetto rinfrescante e deodorante.

42. Indumenti sportivi

Soprattutto in caso di indumenti utilizzati per lo sport, aggiungete mezzo bicchiere di bicarbonato al ciclo di risciacquo della lavatrice in modo da combattere più facilmente i cattivi odori durante il lavaggio e per ottenere un effetto disinfettante.

43. Peluche

Per un effetto deodorante e rinfrescante sui peluche dei vostri bambini, effettuate un lavaggio a secco con del bicarbonato. Cospargetelo sui peluche, lasciate agire per quindici minuti, dopodichéspazzolate.

44. Lettiere

Cospargete il fondo delle lettiere dei vostri animali (gatti, criceti, uccellini) con del bicarbonato di sodio prima di aggiungere sabbia pulita o argilla. Potete cospargere del bicarbonato sulla superficiedella lettiera di tanto in tanto per potenziare l’effetto anti-odore.

45. Ceste e coperte

Per una pulizia migliore delle ceste e delle coperte dei vostri animali domestici, aggiungete due cucchiai di bicarbonato al detersivo del lavaggio e/o all’acqua del risciacquo. Per una pulizia a secco, cospargete i tessuti con del bicarbonato, attendete quindici minuti e passate l’aspirapolvere.

46. Giocattoli

Immergete i giocattoli di plastica in acqua calda e bicarbonato completando poi la pulizia con spugna e detersivo. Cospargete i giocattoli di stoffa con del bicarbonato, lasciate agire a lungo ed eliminate i residui con una spazzola.

47. Toeletta

Per mantenere pulito e lucido il pelo del vostro cane, aggiungete del bicarbonato all’acqua del lavaggio oppure cospargetelo con del bicarbonato prima di spazzolare con molta cura.

VARIE

48. Lievitazione

Potete aggiungere un cucchiaino di bicarbonato al lievito utilizzato per l’impasto di dolci e torte. Ricordate che il bicarbonato è un coadiuvante della lievitazione, ma non può sostituire il lievito.

49. In campeggio

Il bicarbonato è una sostanza multiuso che vi potrà essere utile durante il prossimo campeggio, se volete viaggiare con un bagaglio ridotto. Vi servirà come deodorante, detersivo per piatti, pentole e indumenti, dentifricio e vi sarà utile in caso di punture di insetti.

50. Suffumigi

Le inalazioni di vapore, o suffumigi, sono un vero e proprio toccasana per decongestionare le vie respiratorie in caso di raffreddore. Fate così: portate a bollore dell’acqua, aggiungete due cucchiai di bicarbonato e respirate i vapori che si sprigioneranno per dieci minuti, coprendovi la testa con un telo. Si tratta di un rimedio della nonna davvero efficace. Da provare.

 

_____________________________

 
 

VOGLIA DI DARE UNA SVOLTA ALLA PROPRIA VITA IN MODO SERENO ED AIUTARE ALTRI A FARE LO STESSO !

Schermata 2017-02-21 alle 11.12.19

 

Scopri Come Clicca QUI sotto :

1910453_1542654659389536_4095216282625672346_n

La posizione migliore per dormire bene

Nelle antiche tradizioni monastiche buddiste i monaci dopo ogni pasto si coricavano soltanto 10 minuti ottenendo energia e freschezza per procedere con le attività della giornata. Ma qual era il loro segreto? Si sdraiavano solo sul lato sinistro. Oggi la scienza dimostra i benefici di questa posizione.

riposare-sul-lato-sinistro-ok

Risaputo nella scienza ayurvedica come afferma il Dr. , ora anche un recente studio pubblicato sul The Journal of Clinical Gastroenterology ne ha dato conferma attraverso alcune semplici ragioni, eccole.

Favorisce il drenaggio linfatico

Il lato sinistro del corpo è la parte dominante nel sistema linfatico infatti la maggior parte della linfa drena nel dotto linfatico toracico che trova sul lato sinistro. La linfa trasporta proteine, metaboliti del glucosio e dei prodotti di scarto, che facilitati dalla forza di gravità fluiscono più facilmente.

 

La milza è parte del sistema linfatico è anch’essa sul lato sinistro del corpo. La sua funzione è quella di filtrare la linfa e il sangue, cosa che è favorita stando sul lato sinistro in quanto si agevola il ritorno dei fluidi alla milza sfruttando la forza di gravità.

Favorisce gli organi digestivi

Sia lo stomaco sia il pancreas si trovano nella parte sinistra del corpo e stando in questa posizione si canalizzano meglio i succhi gastrici ed aumenta la secrezione degli enzimi pancreatici. Sdraiandosi sul lato sinistro il fegato e la cistifellea penderanno dal lato destro. Riposare sul lato sinistro agevola la secrezione dei loro preziosi enzimi emulsionando i grassi e neutralizzando gli acidi dello stomaco.

L’intestino tenue si collega con l’intestino crasso attraverso la valvola ileocecale situata nel lato destro del corpo. Riposare sul lato sinistro permette (grazie alla valvola ileocecale) di stimolare i rifiuti corporei dell’intestino crasso giunti dall’intestino tenue, in un modo più semplice.

Conclusione

Quindi a differenza di quanto si possa credere, per sentirsi ‘più leggeri’ dopo i pasti basterebbe una riposino di 10 massimo 15 minuti. Vi farà ritrovare subito l’energia dopo il pasto e avrà ripulito la mente. Prova e facci sapere!

ps. Alcuni sostengono sia anche una buona posizione per il lungo riposo notturno, ma io trovo meglio dormire a pancia in su :)

 

_____________________________

 
 

VOGLIA DI DARE UNA SVOLTA ALLA PROPRIA VITA IN MODO SERENO ED AIUTARE ALTRI A FARE LO STESSO !

Schermata 2017-02-21 alle 11.12.19

 

Scopri Come Clicca QUI sotto :

1910453_1542654659389536_4095216282625672346_n

Acqua un Bene

Acqua un Bene ….

Il Risparmio Energetico Consapevole

Cos’è e come migliora le nostre vite con consapevolezza

Acqua un Bene Prezioso Universale

goccia-mondo
Un tempo i beni naturali erano di proprietà dell`universo.
Erano visti come beni esclusivi della divinità, che li rimetteva al servizio dell`uomo.
L`acqua era un dono di Dio, e tale rimaneva. Oggi non si fa altro che appropriarsi di ogni dono di Dio, e così, ad esempio l`acqua, diventa una merce.
Se l`acqua è un bene comune e universale, non solo non posso appropriarmene per farne una fonte di profitto, ma la società – tanto più se si riconosce civile – ha l`obbligo di dare a tutti, indistintamente, la possibilità di farne uso. Col minor costo possibile. …

L’acqua potabile è un bene fondamentale per la vita. Pochi però sanno che l’ Acqua un Bene scarso, del tutto assente in molte zone del mondo, nonché un bene economico sempre più caro (bolletta dell’acqua). Imparare a rispettare e risparmiare l’acqua è quindi sia un gesto di civiltà che di convenienza economica. L’acqua è una risorsa rinnovabile, ma non infinita. La sua salvaguardia è pertanto un dovere, soprattutto quando a fronte di esigenze in aumento, le risorse utilizzabili tendono a ridursi a causa della crescente immissione più o meno colpevole di sostanze inquinanti negli acquiferi.
ENERGIA – Un bisogno per tutti, ma un bene di pochi

lampada-albero

Nel linguaggio quotidiano la parola energia ha conservato il significato etimologico: capacità di compiere lavoro, dal greco en (dentro) e érgon (lavoro).

L’ Energia, quindi, è l’attitudine di un corpo o di un sistema di corpi a compiere un lavoro.

Il pianeta Terra può essere considerato come un unico grande sistema energetico.

L’energia è l’anima del mondo, è ciò che dà il movimento alla materia che riempie il nostro universo e le permette di esistere. La Materia è “Energia Condensata”.

Se non ci fosse energia, non esisterebbe nulla. È l’Energia che permette al Nostro Universo di Esistere.

L’Energia è Movimento, è Mutamento, è Divenire, Trasformazione. Se non ci fosse energia tutto resterebbe sempre uguale a se stesso: non ci sarebbe il tempo.

Allora, se non ci fosse energia, non ci sarebbe l’evoluzione, non ci sarebbe la vita.
L’energia si trova dappertutto intorno a noi, nei mezzi di trasporto, nell’industria, nelle case e anche nel nostro corpo.
Purtroppo la nostra evoluzione tecnologica e sociale ci a portato ad un aumento sconsiderato dell’utilizzo di energia per soddisfare le nostre esigenze di mangiare, spostarci e comunicare, che sono nelle mani di poche persone che controllo strettamente indirettamente le nostre vite, fino a quando non sapremo utilizzarla consapevolmente, risparmiandola prima e autoproducendocela dopo. Prima riduciamone l’utilizzo, perchè usandone di meno, dovremo pagare meno e questo ci permetterà di poter avere una forza economica maggiore per rendersi indipendenti con l’autoproduzione.
L’autoproduzione energetica ci renderà liberi di gestire le nostre vite, nel modo più opportuno, a nostro piacimento, e senza gli aggravi economici che fin’ora abbiam sulle spalle. L’ecosistema ci ringrazierà se sapremo usare al meglio le fonti rinnovabili, come il sole, il vento, fonti inesauribili e al tempo stesso pulite, per scaldarci, spostarci, comunicare, costruire, coltivare per il fabbisogno di tutti i giorni.

 

_____________________________

 
 

VOGLIA DI DARE UNA SVOLTA ALLA PROPRIA VITA IN MODO SERENO ED AIUTARE ALTRI A FARE LO STESSO !

Schermata 2017-02-21 alle 11.12.19

 

Scopri Come Clicca QUI sotto :

1910453_1542654659389536_4095216282625672346_n

Frequenza 432

Frequenza 432 -Hz

La frequenza 440 Hz, limita il modo di pensare e di sentire delle persone, tenendole prigioniere di una certa coscienza.

Frequenza 432
Frequenza 432

La musica a Frequenza 432 Hzfavorisce la sincronizzazione cerebrale, il rilassamento, l’intuito.
E’ efficace in caso di ansia, stress ed insonnia.
Stimola la produzione di serotonina e riduce gli sbalzi d’umore.
Dà sollievo e benessere a tutto il corpo, è in una parola,    

diapason Frequenza 432
Frequenza 432

       RIGENERANTE 

intonazione Frequenza 432

 

_____________________________

 
 

VOGLIA DI DARE UNA SVOLTA ALLA PROPRIA VITA IN MODO SERENO ED AIUTARE ALTRI A FARE LO STESSO !

Schermata 2017-02-21 alle 11.12.19

 

Scopri Come Clicca QUI sotto :

1910453_1542654659389536_4095216282625672346_n

 

Pane toscano dop

Come è fatto il pane oggi ?

 Come è fatto il pane oggi ?

 pane-toscano 1

https://www.facebook.com/riccardo.lojacono.5/videos/882909685088637/?pnref=story

 

Domani commenterò quello che in questo video potrete intuire. Considero questi tre panificatori Toscani di Arezzo tre geni. Li ringrazio per il video e li inviterò presto a venire al Comune Di Ragalna con l’aiuto del Sindaco Salvo Chisari.Domani il Sindaco di Ragalna sarà presente a Nicolosi e come sempre sarà un piacere ascoltarlo, ho anche saputo che presto si attiverà per il progetto Ragalna Città della Salute e faremo un gemellaggio con il Comune di Pollica, dove visse Ancel Keys. Se volete saperne di più, seguitemi sul mio canale Youtube (Lojacono Riccardo), troverete alcuni video di Conferenze, dove si parla di alimentazione e salute. Iniziamo proprio dalla nostra alimentazione a curare la salute, piuttosto che assumendo veleni (Farmaci).

Posted by Riccardo Lojacono on Mercoledì 15 aprile 2015

 

 Come è fatto il pane oggi -   toscano dop
Come è fatto il pane oggi

Domani commenterò quello che in questo video potrete intuire. Considero questi tre panificatori Toscani di Arezzo tre geni. Li ringrazio per il video e li inviterò presto a venire al Comune Di Ragalna.
Domani il Sindaco di Ragalna sarà presente a Nicolosi e come sempre sarà un piacere ascoltarlo, ho anche saputo che presto si attiverà per il progetto Ragalna Città della Salute e faremo un gemellaggio con il Comune di Pollica, dove visse Ancel Keys. Se volete saperne di più, seguitemi sul mio canale Youtube (Lojacono Riccardo), troverete alcuni video di Conferenze, dove si parla di alimentazione e salute. Iniziamo proprio dalla nostra alimentazione a curare la salute, piuttosto che assumere pagliativi (Farmaci).

 

_____________________________

 
 

VOGLIA DI DARE UNA SVOLTA ALLA PROPRIA VITA IN MODO SERENO ED AIUTARE ALTRI A FARE LO STESSO !

Schermata 2017-02-21 alle 11.12.19

 

Scopri Come Clicca QUI sotto :

1910453_1542654659389536_4095216282625672346_n