aspetto Fisco su Monete Digitali

 

La cessione di bitcoin è soggetta ad imposta?

Il punto di vista dell’Agenzia delle Entrate

sui Bitcoin

 

Ecco il Confronto tra esperti !


https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-9/18221859_1555999607743656_6272208812212550702_n.jpg?oh=cea53bca232af1916e3f87f5fa75606a&oe=5977A2BB

https://www.facebook.com/Emanueledinicola.eu/photos/a.539836616026632.124655.539812506029043/1555999607743656/?type=3&theater

   Tassazione cripto (al momento)

cosa fare? 3 opzioni da seguire e come si è giunti a queste conclusioni. (Dura 20 minuti ma ne consiglio la visione.)

1)Esente da tassazione (non presente su redditi diversi, in caso di accertamento richiami obiettive condizioni di incertezza per evitare sanzioni + vai in processo con un buon difensore tributario puntando sul fatto che le cripto non ricadono nelle tipologie di redditi diversi )
2)Seguo le circolari e risoluzioni dell’ADE [è sbagliato non possono considerarsi valute estere, le circolari e risoluzioni dell ade non hanno valenza vincolante, art 23 costituzione + cass 23031/2007 ] ( in caso di problemi o cambiamenti di interpretazioni da parte dell ade, per il principio dell affidamento puoi evitare sanzioni, ma non puoi impugnare circolari o risoluzione per non pagare imposte)
3)le faccio rientrare su titoli non rappresentativi di merce o c-quinquies (paghi il 26% sulle plusvalenze per evitare problemi, in caso di c-quinquies non puoi utilizzare le minusvalenze)

 

Febbraio 2018 :

Cosa dicono le leggi italiane sui bitcoin

Come in molti altri paesi del mondo ci sono ancora

un bel po’ di incertezze, sia per le tassazioni

che per le regolamentazioni:

ma qualche passo è stato fatto

 

 

L’espansione del mercato delle criptovalute, che nella seconda metà del 2017 ha portato l’attenzione dei media generalisti su un argomento fino ad allora riservato a una nicchia di appassionati di informatica e finanza, e che ha attratto moltissimi nuovi investitori, ha colto di sorpresa i governi e le istituzioni economiche internazionali. Tra novembre e gennaio, cioè quando il valore di Bitcoin e delle altre criptovalute è arrivato ai suoi massimi storici – prima di crollare, riprendersi, e poi crollare di nuovo – si sono susseguiti annunci dei governi di tutto il mondo riguardo alle intenzioni di regolamentare un mercato che fino ad allora aveva operato sostanzialmente in una zona grigia, cioè priva di leggi chiare e specifiche, oppure di difficile interpretazione.

I casi che hanno attirato più attenzione sono quelli della Cina e della Corea del Sud, due paesi in cui il mercato delle criptovalute si è espanso prima e più in fretta, e in cui i governi hanno adottato approcci molto differenti. In Cina nel corso del 2017 il governo ha adottato misure molto rigide e concrete, mentre la Corea del Sud ha fatto annunci confusi e contraddittori nelle prime settimane del 2018, secondo qualcuno contribuendo a generare panico e incertezze nel settore. E in Italia?

La tassazione
La prima da cosa da dire sull’Italia è che la situazione è poco chiara e si presta a diverse interpretazioni, come in molti altri paesi del mondo. Questo riguarda anche la tassazione: al momento in Italia la posizione dell’Agenzia delle entrate sulle criptovalute è definita unicamente dalla Risoluzione 72 pubblicata nel settembre del 2016. Ma è la risposta a quello che viene definito un “interpello”, cioè una richiesta di chiarimenti, e quindi non ha valore di legge. La risoluzione – spiega il sito Coinlex, che si occupa di questioni giuridiche e fiscali sulle criptovalute – assimila le criptovalute alle valute estere.

Questa equiparazione ha senso da certi punti di vista, ma comporta anche molti problemi, ha spiegato al Post Paolo Luigi Burlone, dottore commercialista dello Studio Burlone Crisà e fondatore di Coinlex. Applicare per le imprese lo stesso trattamento fiscale sui capitali in valute tradizionali e su quelli in criptovalute non sempre ha senso, secondo Burlone. Questo perché le valute con corso legale, cioè quelle tradizionali come dollari o franchi svizzeri, sono immediatamente utilizzabili, a differenza delle criptovalute: avere dieci bitcoin su un portafogli virtuale non significa possedere l’equivalente in euro di dieci bitcoin, perché prima bisogna trovare qualcuno disposto ad accettare quell’equivalente.

Se si possiede un milione di dollari, poi, si è ragionevolmente sicuri che tra due mesi il loro valore sarà pressappoco uguale: cosa che non si può affatto dire per le criptovalute, che oscillano moltissimo in poco tempo. Se un’impresa avesse comprato un bitcoin nell’aprile del 2017, e avesse dovuto chiudere il bilancio a dicembre, avrebbe dovuto pagare tasse su un guadagno di quasi il 2000%, per poi vedere il proprio capitale perdere due terzi del suo valore a inizio febbraio.

Anche per le persone che investono privatamente in criptovalute, la situazione non è molto chiara. In teoria, esattamente come possedere valute straniere, possedere criptovalute non è considerata un’operazione speculativa che genera reddito, e quindi le plusvalenze non sono tassate. Per le valute straniere è però prevista una soglia: se si possiede per almeno sette giorni consecutivi almeno l’equivalente di 51mila euro, non è più considerato un normale possedimento di valute straniere ma un’attività speculativa, a cui viene quindi applicata un’aliquota del 26 per cento. Questo tassa in teoria si applica anche alle criptovalute, ma essendoci un bilancio da chiudere va pagata solo nel momento in cui eventualmente si ottiene la plusvalenza, cioè per esempio vendendo i bitcoin in cambio di euro.

C’è però un ulteriore problema: se si possiedono dei bitcoin su un portafogli di un sito con sede all’estero – come Coinbase, Binance o gli altri più diffusi – in realtà chi li detiene è il sito, dal quale possiamo prelevarli (in teoria) quando vogliamo. È quindi un capitale investito all’estero, indipendentemente dal suo ammontare: per questo andrebbe indicato nel quadro RW della dichiarazione dei redditi, riservato al monitoraggio dei capitali detenuti all’estero.

Vista la difficoltà di interpretare la regolamentazione in un ambito così complesso, il consiglio di Burlone è rivolgersi a un esperto per avere più certezze sulle tasse da pagare sui propri investimenti in criptovalute.

Lo stato della regolamentazione per i siti di exchange in Italia
I siti di exchange più grandi e popolari sono stranieri: le autorità italiane non hanno quindi giurisdizione diretta nei loro confronti, anche se possono provare a limitare le loro operazioni nel nostro territorio. Può capitare quindi che vengano bloccate le inserzioni pubblicitarie a un sito o a una criptovaluta ritenuti una truffa. Ma esiste una legge che stabilisce delle norme per chi opera professionalmente nel settore delle criptovalute.

Nel luglio del 2017 è infatti entrata in vigore la IV Direttiva antiriciclaggio, una legge che per la prima volta prende in considerazione il settore delle criptovalute e le inserisce nelle leggi che servono a contrastare il riciclaggio di denaro. La legge ha definito le criptovalute e i “prestatori di servizi” del settore, e li ha sostanzialmente assimilati – negli obblighi che devono rispettare – ai cambiavalute: cioè a chi cambia le valute tradizionali l’una con l’altra, come, per capirsi, gli sportelli agli aeroporti o alle stazioni. Sono quindi considerati “operatori non finanziari”, che si differenziano da banche, promotori finanziari, società di investimento o consulenti finanziari, che invece sono operatori finanziari.

La legge ha dato delega al governo per un decreto attuativo, la cui bozza consultiva è stata pubblicata a inizio febbraio, ed è stata aperta una finestra di un paio di settimane per ricevere commenti e critiche. Il decreto, in sostanza, propone l’istituzione di un registro speciale tenuto dall’Organismo degli Agenti e dei Mediatori (OAM), un ente istituito nel 2010 che registra e monitora gli «agenti in attività finanziaria e i mediatori creditizi», cioè i consulenti finanziari, gli intermediari, chi conclude contratti per finanziamenti, e le altre figure professionali simili. Il registro speciale comprenderà, dice il Dipartimento del Tesoro, «chiunque sia interessato a svolgere sul territorio italiano l’attività di prestatore di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale». Il registro sarà in possesso della Guardia di Finanza, che avrà così un database di società che operano nel settore delle criptovalute. Il decreto non parla di nuove tasse né modifica gli obblighi già previsti dalla IV Direttiva antiriciclaggio.

Il principale problema, ha spiegato Burlone, è che il decreto include nella lista di chi deve iscriversi al registro dell’OAM non solo quelle società che operano nello scambio, nell’utilizzo, nella conservazione e nella conversione di criptovalute, come i siti di exchange, ma anche i singoli commercianti e imprenditori che accettano i pagamenti in Bitcoin. Questo, dice Burlone, porterebbe a un numero eccessivo di iscritti al registro, che potrebbe renderlo poco efficace. Ma soprattutto, includendo questa categoria tra quelle interessate dal decreto, secondo Burlone il decreto potrebbe essere incostituzionale per “eccesso di delega”: nella direttiva del Parlamento europeo, infatti, questa inclusione non è indicata. Non ci sono in ogni caso certezze sui tempi della legge, che potrebbe anche rimanere una bozza per altri mesi o anni.

 

 

Vecchio articolo del 2016 :

 

La domanda è semplice: le operazioni in criptovalute in che maniera sono (se lo sono) tassate dal Fisco di casa nostra?

Piccola premessa: in assenza di una regolamentazione precisa sulla circolazione delle criptovalute in Italia, un primo riferimento normativo arriva direttamente dalla sentenza della Corte di Giustizia dell’UE risalente al 22 ottobre del 2015.

Ho spiegato nel dettaglio i contenuti di quella sentenza nel post «La criptovaluta è un sistema di pagamento, lo dice la Corte di Giustizia Ue», qui invece cercherò di capire con voi come questa sentenza sia stata recepita dal nostro sistema tributario.

Il 2 settembre scorso una risoluzione dell’Agenzia delle Entrate (la n.72/E), ha chiarito che le operazioni di cambio in criptovalute operate da società sono esenti da Iva  (così come stabiliva la sentenza della Corte di giustizia europea). Ha anche spiegato che le società che offrono questo servizio debbono adeguarsi alle normative antiriciclaggio (registrazione e segnalazione della clientela) ma il passaggio che sta facendo discutere è il seguente e riguarda le persone fisiche.

«Per quanto riguarda, la tassazione ai fini delle imposte sul reddito dei clienti della Società, persone fisiche che detengono le criptovalute al di fuori dell’attività d’impresa, si ricorda che le operazioni a pronti (acquisti e vendite) di valuta non generano redditi imponibili mancando la finalità speculativa».

Questo è quanto dice la risoluzione che si basa su un  ragionamento apparentemente semplice. Il Fisco italiano tassa le plusvalenze su valute estere acquistate o detenute per finalità d’investimento. È rilevata un’attività speculativa quando le valute estere sono cedute a termine o rinvengono da depositi o conti correnti. Infine vengono escluse dalla tassazione le plusvalenze derivanti da una giacenza complessiva di tutti i depositi e conti correnti in valuta inferiore a 51.645,69 euro per almeno sette giorni lavorativi continui.

Le plusvalenze devono essere dichiarate o no? L’Agenzia delle Entrate parla chiaro, ma aspettiamo ancora per capire meglio l’orientamento del nostro Fisco.

Questa la circolare dell’agenzia

 

 Il sistema fiscale italiano sulle criptovalute

 

 

 

 

Lascia un commento