Archivio mensile:settembre 2019

E’ possibile l’attacco al 50% + 1 su Bitcoin ?

 

C’è ancora chi pensa che Stati nazionali e magnati della finanza internazionale possano fare a cuor leggero un attacco 50+1 a Bitcoin, spendendo giusto qualche centinaia di milioni di euro. No signori, forse non è chiaro cosa significhi a livello economico un 50+1 attack sulla blockchain più sicura al mondo. Provo a darvi un’idea.
Non puoi semplicemente produrre tanti asics quanti ce ne sono in circolazione per avere il 50+1. È completamente anti-economico. L’economia è domanda e offerta. Un asics è fatto di pezzi, componenti venduti e assemblati da migliaia di aziende in un mercato globale complesso. Per intenderci, se vuoi comprare 50 mila pezzi di un componente per fare un micro-chip, probabile che li trovi, faticando un po’ a contrattare fra un fornitore e l’altro. Ma se ne vuoi comprare 100 mila o 1 milione, si deve rivedere tutta la catena produttiva, fatta di contratti, di tante aziende. Per produrteli magari devono aggiungere minatori e macchine in una miniera di zinco in Perù, o tagliare nuovi alberi in Gambia. Non è detto che lo vogliano fare o possano farlo.
Insomma, ti scontri con un universo intero. L’alternativa unica possibile è comprare quelli ad oggi esistenti.
Ma da chi li compri? Come li contatti? Sai dove sono? Te li vorranno vendere?
Le cosiddette mining pool aggregano hashpower da tutto il mondo: dal contadino russo che ha comprato 20 asics dal cugino di suo cugino e che ora li tiene accesi sparsi fra la camera da letto e il salotto per riscaldarsi d’inverno; al super-nerd americano indottrinato al libertarismo e che non ti venderebbe neanche le sue mutande usate se pensa che le userai per fini che vanno contro la sua ideologia; fino all’impresario cinese che tiene un po’ di asics nascosti sotto la sua lavanderia e ha un giro di nero che nessuno dovrebbe conoscere e figurati se vuole contrattare con te.
Ora, vai tu da tutti questi a comprare il loro hardware? Non puoi, allora devi andare direttamente dai pochi grossi miner conosciuti, dalle più grosse aziende e i più grossi produttori, svuotare i loro hangar, i loro magazzini e fare ordini per il massimo numero di pezzi nuovi che riescono a produrre. Sempre che siano d’accordo a fare affari con te (ed è probabile che abbiano anche degli ideali, se lavorano in questo settore, e che non abbiano per nulla voglia di distruggersi il business e la reputazione).
Ora, sempre per la legge della domanda e offerta, il prezzo di ogni cosa su cui riesci a contrattare schizza alle stelle. E tutta questa fatica basterà ad avere il 50+1, e per quanto tempo?
E questo riguarda solo l’hardware, non l’elettricità per farlo funzionare. Anche lì, l’offerta è limitata e se la domanda aumenta, il prezzo pure. Non pensare di ottenere il 50% dell’elettricità utilizzata oggi per Bitcoin, a tua disposizione nel tempo e nel luogo in cui la desideri tu, al prezzo attuale dell’elettricità. Quale stato può permettersi oggi di comprare tutta l’elettricità dell’irlanda? Vai in Irlanda e chiedi agli irlandersi di vendertela tutta, tanto loro vivono senza? Forse ti conviene costruire una centrale idroelettrica e nucleare, bene inizia pure.
Infine, dopo che hai mobilitato mari e monti per questa tua operazione di distruzione o di appropriazione di Bitcoin, devi scontrarti contro tutta la community.
Ovviamente, le tue operazioni non passeranno del tutto inosservate. E a un certo punto, quando avrai finalmente ottenuto abbastanza hashpower, dovrai far girare i tuoi nodi modificati e iniziare a fare quello che vuoi sulla blockchain, fare fork, censurare transazioni etc.
La community se ne sta lì a guardare? No, forka. Magari forka molto prima che tu inizi a fare il birichino, perché la storia inizia a puzzare di marcio con mesi di anticipo.
Quindi tu hai speso non centinaia di milioni di euro, bensì miliardi, per fare un pochino di casino ed essere deriso dal mondo intero.
Ora, quale consiglio direttivo di un fondo, o amministratore di società, ma anche capo di stato, dovrebbe mai accordarsi e trovare consenso per mettersi a bruciare i soldi in questo modo?
Nonsense.

 

Inizia da Qui Bitcoin LiC World

Buongiorno Amici

Cosa fareste se aveste la possibilità

di ripercorrere il percorso Cripto Bitcoin ???

Tornare nell’anno 2009 ed acquistare solamente 100 euro di Monete Bitcoin non è più possibile.

Certo chi lo ha fatto , avrebbe ottenuto 3.333 monete, costando all’epoca 0,03 Euro cadauna.

Ma oggi valgono circa 6.000 Euro cadauna.

Presto fatto il conto, circa 19 Milioni di Euro nel portafoglio.

WWWWWOOOOOOWWWWWW

Chi ha compreso il Valore Effettivo di Bitcoin,

lo compra e non lo vende, perché consapevole del potenziale, molto Alto !!!

Non solo il Valore cresce, ma è Decentralizzato, ovvero non c’è nessuna banca o stato dietro a Bitcoin, nessuno può confiscarcelo, tassarcelo, decidere qualsiasi cosa…..

Siamo noi i proprietari delle monete e nessun altro !!!

Consiglio di scaricare il WALLET FISICO da qui :

https://www.exodus.io/releases/

Qui il VideoTutorial 1 :

https://youtu.be/uNVfw_IqMnQ

Qui il VideoTutorial 2 :

https://youtu.be/RJ9x_6WHFlI

e non tenere le CryptoMonete nei wallet OnLine tipo Coinbase !!!

______________________

Ho una Ottima Notizia !!!

______________________

Ho abbracciato il Progetto LIC WORLD.

Decentralizzato come il Bitcoin ma con Tecnologia

Aggiornata ai giorni nostri, veloce nelle transazioni

mining POS giornaliero.

Sistema progettato per distribuire equamente le monete.

Valore in costante crescita grazie al pagamento 70% subito 30% tra 500 giorni, questo ha permesso a LIC WORLD di acquisire molto Valore, passando da 80 centesimi a moneta nel Marzo 2018 ai QUATTRO dollari di oggi !!!

Con questo Sistema è facile pensare a una moltiplicazione a 2 Zeri entro un anno !!!

Ti consiglio Vivamente di prendere in esame questa LIC WORLD e studiarne il WP ed il resto, chiedi INFO dettagliate.

Maggiori info QUI :

http://www.emanueledinicola.eu/lic-world

Messaggia su Telegram QUI :   @emanuelefly


.

.