Archivio mensile:gennaio 2018

VideoTutorial Swisscoin

Swisscoin: informazioni di base


Questo video vuole passare i primi riferimenti di base in merito alla crypto valuta swisscoin. Contatti facebook: Alessandro Vailati – https://www.facebook.com/alessandro.v… Andrea Altomare – https://www.facebook.com/andrea.altom… Resta sempre aggiornato con i nostri canali telegram! Canale italiano: https://t.me/SwisscoinItalyUpdate Canale internazionale: https://t.me/SwisscoinEnglishNews Contatto email: dinicolaemanuele[at]gmail.com per ricevere assistenza tecnica, viene richiesto un contributo per il servizio offerto

strumenti di lavoro

Hai mai pensato di non sapere dove poter accedere alle informazioni della crypto valuta Swisscoin? Hai mai cercato delle informazioni interessanti? Questo è un video in cui potrai accedere ad informazioni utili. Le descrizioni sono semplici per poter essere comprensibili ai più. Seguiranno video specifici su questo canale

 

Swisscoin GitHubNode

codice sorgente dei nodi

depositato e pubblicato

Swisscoin OfflineWallet ITA

Il video dà le informazioni di base in merito alla prima installazione, approccio e gestione dell’offline wallet di swisscoin.

 

Wallets Emanuele

 

 

 

La democratizzazione del signoraggio e crypto

 

Signoraggio: cosa significa? Significa che chi emette una moneta ci guadagna (cosa praticamente ovvia)!
Storicamente il signoraggio è un diritto che gli Stati hanno riservato per sè, perchè per ragioni tecniche in passato solo gli Stati potevano garantire un’emissione “corretta” di moneta (anche se poi invece molti non lo hanno fatto).
Tanto che è vietato dalla legge emettere una propria moneta… E nell’area Euro il divieto è esplicito: solo la BCE è autorizzata ad emettere moneta.

Ma questo divieto si basa fondamentalmente sulla difesa del monopolio statale dell’emissione di moneta (oltre che sul fatto che con le vecchie monete fisiche la contraffazione era fin troppo semplice, ed il divieto di emettere moneta era pertanto pressochè obbligatorio).
Tuttavia anche prima dell’avvento delle monete digitali si discuteva già di questo monopolio: fu il premio nobel Friedrich von Hayek, con il su libro “La Denazionalizzazione del Denaro“, a sostenere che al posto di Stati che emettono valute nazionali, il cui uso è imposto per legge a tutti i propri membri, anche i privati dovrebbero essere autorizzati ad emettere proprie monete.
Tralasciando (per ora) il discorso sull’utilità – o meno – di togliere agli Stati questo monopolio, concentriamoci sul signoraggio. Ebbene, chiunque emetta moneta esercita signoraggio: ovvero può guadagnare emettendola!
Le criptovalute decentralizzate come Bitcoin non solo risolvono completamente il problema della falsificazione (che ad esempio per quanto riguarda Bitcoin è pressochè impossibile), ma democratizzano anche il signoraggio!
Infatti Bitcoin non è emesso da nessun singolo soggetto, quindi nessuno ha il monopolio del signoraggio di Bitcoin (e questo vale per tutte le criptovalute per le quali il mining è aperto a tutti). Tecnicamente il signoraggio di Bitcoin è distribuito, ovvero va volta per volta al miner che riesce a convalidare un blocco.
E’ vero tuttavia che ultimamente i miners che riescono effettivamente a minare non sono molti, però molti di essi in realtà sono pool che mettono insieme la potenza di calcolo di molti utenti che si spartiscono gli eventuali proventi derivanti dal signoraggio. Ed a questi pool teoricamente chiunque può partecipare!
Pertanto Bitcoin ha democratizzato il signoraggio, anche se in proporzione alla potenza di calcolo che si riesce a mettere a disposizione del sistema (senza contare il costo dell’energia elettrica, che complica notevolmente le cose).
Alla luce di ciò possiamo affermare che il monopolio statale dell’emissione di moneta (finalmente) può essere messo in discussione. Ovvero possiamo immaginare che la cosiddetta “Hayek Money” non solo sia oramai realtà, ma vada anche considerata accettabile e forse addirittura preferibile. Infatti i danni provocati in passato da Stati che hanno emesso moneta in modo scorretto (per usare un eufemismo), solo per poter approfittare del signoraggio (vedi ad esempio il Venezuela), sono tanti e tali che un sistema basato sulla democratizzazione del signoraggio sembra essere decisamente molto, molto meglio! A patto che una moneta decentralizzata, con signoraggio distribuito, rimanga tale.
PS: non tutte le criptovalute sono create su queste logiche. Ce ne sono anche di non decentralizzate, con il signoraggio nelle mani di un unico soggetto emittente (come tuttavia aveva già previsto anche Hayek), ma almeno Bitcoin è così.

 

Consulenze

Emanuele Di NicolaDa quando ho aperto il mio canale Youtube, e la mia pagina Facebook ho subito iniziato ad effettuare consulenze sia dal vivo che online,

principalmente a :

  1. Persone interessate alle Cryptovalute
  2. Imprenditori
  3. persone semplicemente curiose                              di capire e/o imparare

 

Gli argomenti che principalmente tratto sono:

  • formazione di base
  • chiarimenti su come funzionano le Cryptovalute
  • pareri  (NON consigli di investimento)
  • su progetti già lanciati

 

Bitcoin/altcoin e Blockchain

non sono argomenti di

facile comprensione,

in particolar modo a primo impatto

e senza dedicarci molto tempo.

 

I concetti del mondo Bitcoin e della

blockchain ricadono in più materie.

 

Non si limitano a percorrere una materia

ma ne imbracciano più, ed è per questo

che risulta necessario:

  • dedicarci tempo per capirle

  • lavorare in Team se si decide di portare

    avanti un progetto ad esso legato.

 

Se vuoi richiedere una mia consulenza ti lascio

il modulo in basso.

Ti avviso 😀  sono impegnato su più progetti. Attualmente non riesco ad effettuare la consulenza subito, ma dobbiamo organizzarci per data ed orario.

Ti prego  di specificare nell’oggetto della mail:

  • su cosa richiedi la consulenza,
  • Quante ore richiedi di consulenza

Mi renderesti le cose molto più semplici. Te ne sarei grato.

Quanto costa una mia ora?

E Info sul pagamento

Voglio essere da subito trasparente, se ti fai un giro tra i miei “colleghi” nessuno lo fa. Io lo faccio per velocizzare le cose, ci perdiamo meno tempo entrambi.

  • Un ora del mio tempo costa 20*   (imposte incluse), 
  • non ho molto tempo libero.
  • Il pagamento è anticipato, puoi fidarti non butterò al vento la mia reputazione e le mie pagine (facebook e Youtube) per 20 €. 
  • Su youtube inoltre puoi trovare anche il mio portafoglio ( si anche l’importo) in cripto, non scapperò di certo per 20 .

Corso Cryptovaluta

 

 Il mondo del Bitcoin e Blockchain sta esplodendo e non ho la cosa più importante di questo mondo, il TEMPO.

 

P.S. Inutile chiedere 😀

NON accetto valute Fiat (euro/dollari ecc..),

ma solo pagamenti in criptovalute

(Bitcoin – Ethereum – Litecoin – EOS – NEO – Dash ). A meno di valide ragioni come impossibilità effettive ad effettuare transazioni con criptovalute.

Può essere seccante ma credimi,

ti faccio un favore ad imparare ad utilizzarle

(se ancora non le utilizzi).

Consiglio, stai lontano da questo mondo se:

  • Credi che 50 € siano troppi; i rendimenti nel mondo delle cripto non sono in funzione algebrica (es 1,2,3,4,..) ma in funzione esponenziale.

  • 50€ non sono nulla se investi in cripto.

  • Non hai lo stomaco per reggere forti oscillazioni di prezzo

  •  Vuoi solo speculare senza cambiare mentalità. (tu sei la tua banca ti riappropri del proprio denaro, ogni responsabilità è a tuo carico)

 

Ecco il Modulo

 

schermata-2016-12-08-alle-17-12-03

Emanuele Di Nicola

Telefono – Whatsapp – Telegram :

+39 348 322 15 91

Telegram  :  @emanuelefly

Skype: emanuele.dinicola

e-mail: dinicolaemanuele [at] gmail.com

Noi Rispettiamo la tua privacy, Ai sensi del D.Lgs. 96/2003,

___________________________________________________________

Emanuele Di Nicola |

messenger_code_539812506029043

Schermata 2015-03-21 alle 21.08.44__________________________________

Attenzione: queste informazioni hanno scopo puramente informativo e non costituisce invito all’investimento. Le cryptovalute in genere, ed i servizi ad esse collegate, sono per definizione “investimenti ad alto rischio” con pericolo di perdita totale del capitale. Se decidi di investire in questo settore, lo fai a tuo rischio . **Le mie sono solo opinioni personali e non consigli finanziari, fai sempre la tua scelta con coscienza, dopo esserti informato a fondo, il mondo delle crypto è estremamente volatile e ad alto rischio.

Wallets Emanuele

Social Media ALL

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Ma Bitcoin è una bolla ?

Ma alla fine bitcoin è una bolla?

oppure è un innovazione dirompente?

Proviamo a porci le giuste domande.

Personalmente credo che il valore

possa calare, ma siamo di fronte ad un innovazione dirompente, con crescita (andamento) esponenziale.

apri il tuo Portafoglio Bitcoin in COINBASE :

Clicca l’immagine per attivare l’account

la bolla è sulle ICO e criptovalute minori

-link ai libri:

exponential organization

http://amzn.to/2knkDu2

disrupt yourself

http://amzn.to/2knV4sC

Corso Cryptovaluta

 

____________________________________________

Corso Cryptovaluta

Anche te vorresti entrare

nel mondo del Bitcoin

ma non sai da dove partire?

 

Ti piacerebbe iniziare a fare

qualche movimento con le Cripto

ma hai paura di sbagliare?

 

Vorresti avere qualcuno che di persona

ti guidi per riuscirci?

 

Se hai risposto di si ad almeno una

di queste 3 domande ti invito a scrivermi

su questa mail :

dinicolaemanuele@gmail.com

e prenotarti in Videoconferenza

al primo corso pratico Italiano

di apertura Wallet Bitcoin.

Uscirai dall’aula con il tuo

Wallet (portafoglio)

aperto e in grado di caricarci

autonomamente i tuoi Bitcoin!

 

Il corso comprende:

 

  1. – Apertura Wallet Bitcoin; ( €40 )

  2. – Materiale specifico per approfondimenti; ( € 25)

  3. – Supporto tramite canale Telegram di assistenza dedicato ai corsisti; ( € 60 )

  4. – Newsletter con aggiornamenti settimanali; ( €15)

Sfrutta lo SCONTO dell’83%

per il lancio del corso e registrati subito

al prezzo di lancio di 25€!

Si accettano Cryptomonete BTC – ETH – LTC

Wallets Emanuele

 


I posti sono limitati, affrettati a registrarti!

Per REGISTRARTI scrivi a   dinicolaemanuele@gmail.com

o prenota il tuo posto scrivendo

DIRETTAMENTE qui

nella pagina dell’evento!

Canale  Whatsapp   :          3483221591

Canale  Telegram    :    @emanuelefly

https://www.facebook.com/Emanueledinicola.eu/

 

 

Attenzione: queste informazioni hanno scopo puramente informativo e non costituisce invito all’investimento. Le cryptovalute in genere, ed i servizi ad esse collegate, sono per definizione “investimenti ad alto rischio” con pericolo di perdita totale del capitale. Se decidi di investire in questo settore, lo fai a tuo rischio . **Le mie sono solo opinioni personali e non consigli finanziari, fai sempre la tua scelta con coscienza, dopo esserti informato a fondo, il mondo delle crypto è estremamente volatile e ad alto rischio.

 

Ecco quel che accadde quando Tesla inventò la corrente alternata. Nonostante ciò cos’abbiamo in tutte le nostre case?

#bitcoin #tesla #edison #cassettista

Questa storia mi ha ispirato molto e l’ho paragonata a chi detiene Crypto.


Immagina  di vivere ai tempi di Edison e Tesla.
.
Hai solo due possibilità, investire in corrente continua o corrente alternata.
Prima potevi investire solo in corrente continua, che può illuminare al massimo una sala, mentre ora Tesla ha inventato la corrente alternata, con cui si può fornire corrente ad un’intera città.
.
La corrente alternata ti sembra una buona idea e allora sposti  lì un po’ dei tuoi   soldi. Anche altri la pensano come te  e ci investono. Il valore della corrente alternata sale. Una gran quantità di persone non ha la minima idea della differenza tra i due sistemi, ma si rende conto soltanto che investire in corrente alternata li arricchisce e quindi compra.
A questo punto, Edison, che ha inventato la corrente continua, si rende conto che i suoi affari vanno male e pensa a come poter recuperare i soldi che sta perdendo. E’ un genio, seppur privo di senso etico. Da par suo, ha un’idea geniale: si procura dal circo locale l’elefante Topsi, molto amato dai bambini, e mette in piedi un grande spettacolo di piazza, radunando 1500 spettatori. Poi scarica addosso all’elefante 6600 Volt di corrente alternata. Al che dice agli spettatori terrorizzati: “Vedete? Questa è la corrente alternata!”. E’ riuscito a convincere che la corrente alternata è PERICOLOSISSIMA! La corrente alternata uccide!
A quel punto gli investitori ritirano i loro soldi e dove li mettono? Nella corrente continua! Le quotazioni della corrente continua hanno un balzo in alto! Al che, Edison, se ne prende i profitti e compra gli impianti per produrre corrente alternata. A quel punto il valore della corrente continua, crolla verticalmente, vengono avviate le centrali idroelettriche ed Edison, come sempre, fa il grande affare.
Fine della storia.

Domanda: hai  azioni di corrente alternata e azioni di corrente continua. Vedi  l’elefante fulminato. Che fai?  Vendi le tue  azioni di corrente alternata, e compri  quelle di corrente continua perché “elefante fulminato=crollo del valore dell’investimento”?
Ecco spiegato il metodo del cassettista.

Lo stesso consiglio con i Bitcoin, acquistali e detienili a Vita, preleva solo lo stretto indispensabile.


 

 



 

Quale è il Valore reale del Bitcoin ?

 

I media non fanno altro che affossare il settore delle criptovalute nei loro servizi, raccontando semplicemente il fisiologico ribasso di questo mese, che si ripropone ciclicamente ogni anno.
Si sa, ormai tra gli analisti e studiosi si continua a ribadire che questi momenti sono ottimi per passare dalla moneta Fiat alle cripto, approfittando di prezzi bassi per entrare con posizioni forti.
Mentre i media sparano a zero sulle cripto, su Twitter la BCE lancia un sondaggio dove chiede se le criptovalute possano essere una reale soluzione alternativa, ottenendo più del 75% delle risposte positive.
Jamie Dimon, intanto, è sempre tra i primi ad acquistare nel momento del ribasso, lo stesso Jamie Dimon che a settembre, forte della sua notorietà, creò paura tra gli investitori, definendo Bitcoin una truffa.

 

La Corea del Sud, sulla stampa annuncia di voler bloccare il trading con le criptovalute, per poi fare dietrofront qualche settimana dopo, in cui viene ammesso che non ha l’autorità per fermare gli scambi.
La capitalizzazione totale oscilla tra i 500 e i 600 miliardi di dollari, lontani dagli 800 miliardi di poche settimane fa, prima del crollo. Ma quelli che sono rimasti sono comunque un numero considerevole, e il contesto si fa ancora migliore se si pensa che questi capitali sono sani, non più sotto il controllo di qualche panic seller che di Bitcoin non sa nulla di più di quello che i giornali raccontano e che nella speranza di diventare ricco in poco tempo, ci investe senza conoscere nulla dei principi e delle innovazioni tecnologiche di questo mercato, motivo per cui al primo ribasso vende tutto, perché non crede nella tecnologia, ma solo nel mero guadagno subitaneo.

Noi utilizzatori di cripto siamo un gruppo di 75 milioni di persone (circa l’1% della popolazione mondiale) e coloro che partecipano con almeno 5.000$ sono solo lo 0,005% (300.000)
Dai numeri capiamo bene che è ancora un mercato di nicchia, ma secondo voi, quando questo mercato di nicchia, il cui valore è definito dal solo rapporto di domanda/offerta, si diffonde massivamente comprendendo non più l’1%, ma il 2%, il 3%, il 5% o il 10%, cosa accadrebbe al valore delle cripto che possedete?
Siamo ancora molto lontani dal valore stabile che questo nuovo settore finanziario può potenzialmente raggiungere, numeri che oggi sembra da pazzi immaginare.

 

Bitcoin e monete Fiat Euro a confronto …Poste Crypto…

In questo Video  (scorri in basso)

parlo della trasformazione

della moneta cartacea in moneta digitale

nella società di oggi ed il confronto con la cryptomoneta.


Questo comporterà radicali trasformazioni,

se non la totale chiusura,

di alcune attività e proposte.

Tra queste sicuramente i Money Transfer

e i libretti di deposito delle poste.

Quanti altri ve ne vengono in mente?


Bitcoin e le altre cryptovalute stanno già

portando il cambiamento in molti settori

legati ai soldi.

Ecco il Video dove spiego il perchè

non conviene più la moneta tradizionale !!!

Se vuoi una formazione adeguata

partecipa alle nostre Videoconferenze,

tutto gratuitamente.

Rendimento Poste

 

Che cosa è il Bitcoin ?

 

Che cosa è la Blockchain ? qui il VIDEO :

ed entra nel nostro canale

TELEGRAM qui :
@emanuelefly

.

In caso di uno scenario apocalittico come si comporterà il Bitcoin?

Sarebbe da schiocchi dare tutto per scontato, ed è per questo che i più abili giocatori di scacchi innescano finali spettacolari con mosse irrealistiche. “Ovvero, cose succede se dovessi farmi catturare volutamente la regina?” Ebbene si, perchè delle cose apparentemente illogiche e poco probabili possono dare risultati completamente inattendibili e sorprendenti.
Rulli di tamburo, quest’oggi parleremo di cosa dovesse succedere qualora il prezzo del bitcoin dovesse crollare a mille. È uno scenario che teniamo in considerazione in quanto i trader rosiconi sono li che gufano presi dall’invidia, dato che mentre perdevano soldi nella finanza tradizionale, per anni continuavano a gridare “bitcoin bolla, ponzi bolla bolla”, e noi incuranti facevamo incetta di bitcoin!

Preambolo

Il bitcoin è incominciato come fenomeno di nicchia, per nerd, una moneta troppo matematica e tecnica, completamente incomprensibile alle masse le quali sono rimaste fuori: “Se non lo capisco lo evito”. I dubbi che i singoli si posero sono: Chi c’è dietro al bitcoin? Cosa c’è dietro al bitcoin (il valore a cosa è dovuto), è veramente inviolabile? Tutta una serie di domande che hanno fatto fatica a trovare una risposta nella testa della gente comune.

Stato attuale

Visto le domande di non facile risposta, le masse sono rimaste furori dal bitcoin nel momento in cui bisognava esserci, persino chi aveva le base tecniche per comprenderlo, non poteva essere sicuro della sua invulnerabilità in quanto un prodotto nuovo, poco sottoposto alla attenzione degli hacker potrebbe essere facilmente vulnerabile. Il questi 9 anni di esistenza, il bitcoin è stato sottoposto in un contest “immaginario”, una gara in cui gli hacker di tutto il mondo si sono cimentati nel cercare di distruggerlo ed impossessarsene, ed è risultato inviolabile, la sua struttura è stata sottoposta al più grande contest di hacker mai realizzato al mondo, il premio erano milioni e milioni di dollari che gli hacker avrebbero potuto fare rubando alla blockchain. La gara si è conclusa dando ragione alla bontà della Blockchain.

La folla la fuori che scalpita

 

Con l’avvento dell’informazione libera, Wikipedia e affini, la gente ha avuto la possibilità di studiarsi in autonomia qualsiasi tema di proprio interesse, il tempo ha fatto si che anche la gente comune, abbia trovato una risposta logica, coerente a tutte le domande dietro al bitcoin, i dubbi iniziali e le perplessità sono svaniti. La conseguenza a tutto ciò e una folla inimmaginabile di gente la fuori che sbraita e scalpita per salire sul carro del bitcoin: La conoscenza ha sconfitto la diffidenza!

Il treno è già partito

 

Per tanti c’è l’amaro in bocca, il treno è già partito senza di loro, sono rimasti fuori persino chi si occupa professionalmente di investimenti finanziari perchè i loro schemi neo classici, li hanno resi ciechi e incapaci di studiare le basi dell’economia, oramai anche i trader si muovono in massa come robot, senza alcun ragionamento di sostanza, semplicemente disegnando dei Fibonacci su dei grafici e ripetendo a pappagallo quello che hanno insegnato a loro i pesci grossi.

La macchina del tempo

 

Ipotizziamo che ci facessimo catturare la regina, ovvero che il prezzo del bitcoin dovesse crollare a 1000, quali sarebbero la conseguenze? Succederebbe semplicemente che la folla che ha perso il treno, si ritroverebbe come se qualcuno con la macchina del tempo li avesse trasportati nel passato quando il bitcoin valeva pochissimo, con però una grande differenza: Ora si è capito che il bitcoin è invulnerabile, ingovernabile, si conosce cosa sia il concetto di trustless, e si ha una coscienza su quello che indichiamo come “il valore dei soldi”. Le masse si sono informate ed hanno capito che dietro alla carta straccia stampata (i soldi), non vi è nulla, mentre dietro al bitcoin vi sono delle tecnologie, che benché primordiali e ancora da svilupparsi nella loro interezza, cambieranno il concetto di moneta, facendola divenire un registro con funzioni applicate gestibili da smart contract ed automi che non necessitano di nessun garante e nessuna autority (nessun furbacchione può esercitare il proprio arbitrio su questa moneta). Una cosa è certa, se il bitcoin dovesse crollare a 1000$, la fuori c’è molta più gente di quanto che ne stava ad inizio 2017, e per le masse questo evento simboleggerà il treno che mette la retromarcia, torna in stazione e fa saltare dentro tutti! A questo giro verranno comprati talmente tanti bitcoin e tenuti nel cassetto, che dei 12 milioni di bitcoin attualmente esistenti (16-4 persi), di circolanti ne rimarranno una quantità talmente esigua da far divenire il bitcoin rarissimo, roba da collezionisti, e la previsione di McAfee si avvererà, sarà il classico scacco matto con sacrificio di regina, roba da far rabbrividire Alekhin e Casablanca!

Parere mio:   il prezzo di BTC, a meno di scenari apocalittici dovuti ai governi (ad esempio se gli USA chiudessero gli exchange o dichiarassero illegale il trading di criptovalute) non scenderà mai più sotto una certa soglia (che potrebbero essere i 5.000 / 6.000 del preboom di  fine 2017)

per vari motivi:

  1. gli hodlers: i crolli del 50% come in questi giorni mettono paura a chi è da poco nel mondo cripto, che va in panic selling, ma non agli hodlers. E il numero di hodlers aumenta ad ogni crollo perchè una parte dei noob diventa hodler e si unisce a quelli già esistenti. E al prossimo crollo ci saranno più hodlers e così via

  2. quelli rimasti fuori: ad ogni crollo entra gente nuova che non aspettava altro e quelli già dentro comprano (se possono) di più.

  3. il guadagno: non so dire attualmente dei possessori di BTC quanti abbiano comprato sopra 5.000, sopra 6.000, sopra 7.000 etc ma di sicuro solo pochi sono disposti a vendere in perdita e quindi più il prezzo si abbassa e più i potenziali venditori calano. Pochi venditori significa resistenze quasi nulle e, in caso di ingresso sostanzioo di nuovi investitori, significa superbull market, significa FOMO, significa andamento parabolico e poi si riparte da capo, con un nuovo crollo ecc… fino ai 100.000 $-

i MINERS e gli ASIC  non verranno mai spenti!

 

Anche la chiusura degli exchanger è irrealistico, possono chiudere Coinbase, Bitstamp, e affini, ma quelli decentralizzati no, rimarrebbe il problema che in quelli decentralizzati non puoi entrare ed uscire con le fiat.. ma in realtà visto che alcuni governi stanno facendo la loro criptovaluta (Pedro, Estcoin), queste criptovalute saranno Fiat propriamente dette (a corso legale), però con una caratteristica unica, il dono della ubiquità: Sono sia Fiat che Criptovaluta contemporaneamente! Ovvero permetteranno di entrare e uscire dagli exchanger decentralizzati con delle autentiche fiat (basterà cambiare in banca euro in estcoin), poi c’è anche la carta Lukashenko, male che vada utilizzi un exchanger basato in Bielorussia tra quelli che nasceranno grazie alla defiscalizzazione, per le fiat .

E per ultima istanza, quando parliamo di moneta fiat, molti (anche io) facciamo spesso l’errore di calcolare che bitcoin non sia una moneta fiat, in realtà non è così, bitcoin stando alla definizione è fiat: “Fiat si intende una moneta che in almeno un posto al mondo sia a corso legale”. Visto che il bitcoin è a corso legale in Giappone e Svizzera, allora il bitcoin la possiamo considerare come moneta fiat, ed è molto più potente di tante altre fiat che sono a corso legale solo in un singolo paese, ed il vero punto di forza è che il bitcoin a differenza di tutte le altre fiat non può essere riprodotto dalle rotative.

Apocalittico vuol dire che saltano le sorgenti di energia elettrica quindi andrebbe offline internet quindi andrebbe offline e la blockchain e quindi non esisterebbe più

 

   Beh, non esisteremo nemmeno noi 😂😂

 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

 

 

 

ATTIVA COOKIES